Broadway Danny Rose regista, sceneggiatore, attore dvd8 1984 commedia
   (Broadway Danny Rose)

Regia: Woody Allen
Sceneggiatura.: Woody Allen
Fotografia: Gordon Willis
Scenografia: Mel Bourne
Costumi: Jeffrey Kurland
Suono: Dick Hayman
Montaggio: Susan E. Morse

E uno di quei film da cui si esce più intelligenti. Leggero, disinvolto, mai intellettualistico, tenero. Ricorda i racconti di Damon Runyon. Pur dicendo cose diverse, Allen fa sempre lo stesso film.

Interpreti: Woody Allen (Danny Rose), Mia Farrow (Tina Vitale), Nick Apollo Forte (Lou Canova), Milton Berle (sé stesso)

Nazione: USA
Produz: Orion Pictures
Distribuz.
Columbia Tristar Pictures
Durata:
85', B/N
Genere: commedia

Filmografia

La Trama:

Vita e imprese di agente teatrale considerato un santo (ebreo) degli impossibili. Suoi clienti: un ballerino senza una gamba, un ventriloquo balbuziente, uno xilofonista cieco. Appena hanno successo, lo piantano. E uno di quei film da cui si esce più intelligenti. Leggero, disinvolto, mai intellettualistico, tenero. Ricorda i racconti di Damon Runyon. Pur dicendo cose diverse, Allen fa sempre lo stesso film.

 

Trama Approfondita:

Un gruppo di comici rievoca la figura di Danny Rose, l'impresario che sostiene gli artisti più bizzarri e impopolari di New York. Viene raccontata la storia di Lou Canova, un cantante ormai tramontato che Rose aveva "resuscitato" e inserito in un programma del Waldorf Astoria. La sera del debutto, Lou vuole avere tra il pubblico la sua amante, Tina Vitale, ex-moglie di un gangster, e chiede a Danny di rintracciarla. L'impresario la contatta ma Tina non vuole rivedere Lou. Danny la insegue e finisce ad una festa di mafiosi. Uno di loro è fidanzato con Tina, e crede che Danny ne sia l'amante. Inseguiti, vengono imprigionati in un capannone. Dopo essersi liberati, raggiungono il Waldorf e Lou, rincuorato, riscuote grande successo. Alla fine della serata, il cantante comunica a Danny di aver trovato un altro impresario. Dopo qualche tempo, Tina e Lou si lasciano. La donna scopre di amare Danny e lo raggiunge nel giorno del Ringraziamento.

 

APPROFONDIMENTI:

Budget: $8m
Gross: $10.6m
Release Date: January 27, 1984 (USA) October 12, 1984 (Sweeden), January 18, 1985 (Finland)

 

Premi e riconoscimenti:

  • Academy Awards, USA
    Year 1985
    Nominated Oscar
    Best Director
    Woody Allen
    Nominated Best Writing, Screenplay Written Directly for the Screen
    Woody Allen
  • BAFTA Awards
    Year 1985
    Won BAFTA Film Award
    Best Original Screenplay
    Woody Allen
  • David di Donatello Awards
    Year 1985
    Won David
    Best Screenplay - Foreign Film (Autore della Migliore Sceneggiatura Straniero)
    Woody Allen
  • Golden Globes, USA
    Year 1985
    Nominated Golden Globe
    Best Performance by an Actress in a Motion Picture - Comedy/Musical
    Mia Farrow
  • Writers Guild of America, USA
    Year 1985
    Won WGA Award
    (Screen) Best Screenplay Written Directly for the Screen
    Woody Allen

 

 

CURIOSITA'

  • This is Nick Apollo Forte's first and only movie to date.
  • The reason Mia Farrow wears sunglasses most of the film is that Woody Allen did not feel she could pass herself as a tough Italian "broad", so he had her wear the sunglasses most of the film to hide her eyes, making her seem more sultry and mysterious. The only time she removes the sunglasses is when her character is supposed to be more vulnerable.
  • The deli owner who informs Danny Rose about the fate of one the characters in the movie really does own the deli where the scene was shot. He was a retired comic and actor who retained his SAG card named Leo Steiner. He was only cast after the actors Woody Allen brought to the location were inadequate.

 

CITAZIONI PER Broadway Danny Rose

 

Scena1
  Danny Rose  Woody Allen
  Tina Vitale  Mia Farrow
Comico La prima imitazione che feci? Avevo visto un film, Il settimo velo... io neanche ci pensavo a fare l’imitatore, io cercavo solo di purificare la mia dizione. L’idea di fare l'imitazione di James Mason era ben lungi da sfiorare la mia mente (...) Allora feci un mercimonio di imitazioni.
Altro comico Ti si appiccicò alla faccia come una maschera.
Comico No no, dopo feci Picasso per qualche mese.
Danny Rose (WA) Beh, sai, mi chiamano antiquato, ma se è antiquato amare il signor Danny Kaye, il signor Bob Hope, allora d’accordo, sono antiquato. Mi sono spiegato?
Danny Rose Sai, è buffo adesso che ti vedo. Io non sono giusto per farti il piolo, perché chi ci crederebbe che una bella come te se la fa con me?
Tina Vitale Eh dài!
Danny Rose No, dico davvero. Parola, questa è Bibbia, sant'Iddio! No, te lo dico io. E vedo un sacco di cantanti e attrici. Sei bella!
Tina Vitale Beh, tu non sei così orribile.
Danny Rose Sì, solo una cosa, cara. Io non sarò mai un Cary Grant, checchè ne dicano gli altri. Se ne può avere un sorso?
Tina Vitale Va bene, allora posso dirti un segreto. E non è che lo dica per consolarti.
Danny Rose Sì?
Tina Vitale A me gli uomini belli non mi dicono niente.
Danny Rose No?
Tina Vitale E lo sai chi mi scalda?
Danny Rose No.
Tina Vitale L'intellettuale. Io non te lo sto dicendo per tirarti su o che... Il fatto è... sai, che tu parli così suadente. Angelino mi disse una volta che io avrei sposato un ebreo.
Danny Rose E per caso ti disse quale ebreo?
Tina Vitale
(osservando fotografie)
Chi è questo? Chi è questa qui?
Danny Rose Come sarebbe chi è? Quello è Frank, è Frank. Siamo Frank, Tony Bennett e io, una gran serata. Mi vedi quassù? Questa macchia che sembra un'impronta digitale? E la mia testa. E qui sono con miss Judy Garland: mai esistita una donna più cara di lei, mi sente Dio!
Tina Vitale Questa?
Danny Rose Beh, io subito dopo la cornice. Se c'era un altro centimetro di foto ci sarei stato, mi ero defilato, per cui...

Sali

Scena2
  Danny Rose  Woody Allen
  Tina Vitale  Mia Farrow
Danny Rose (WA) Sai qual è la mia. filosofia? Certo, è importante farsi due risate, non c’è discussione. Ma devi anche un po' soffrire, perché altrimenti non apprezzi più le due risate. È così la penso io.
Tina Vitale E sai qual è la mia filosofia?
Danny Rose Oh! Posso immaginarlo.
Tina Vitale La vita è breve. Divertiti più che puoi. Vedi una cosa che vuoi? Pigliatela! E non ti preoccupare mai degli altri. E frega tu prima degli altri, se no gli altri fregano te.
Danny Rose E questa è una filosofia di vita? Questa qui sa della sceneggiatura dell’Anonima Assassini.

 

RECENSIONI Per Broadway Danny Rose

Critica da "FilmTv":

Uno dei più divertenti Woody Allen di sempre. Uno scontro al vertice tra due atteggiamenti comici: quello sofisticato e "intellettuale" di Woody Allen e quello italoamericano e "maccheronico" di Nick Apollo Forte, di professione "crooner" (i cantanti melodici) e intrattenitore brillante. Si ride spesso, ma non mancano i risvolti amari: Allen disegna una parabola sul successo effimero e la lealtà che non può lasciare indifferenti. Di sicuro non ha lasciato indifferente Carlo Verdone, che nel suo film "C'era un cinese in coma" racconta una vicenda abbastanza simile. Anche Mia Farrow, nonostante tutto, presta bene il fianco a un ruolo divertente. Da ricordare la sequenza della festa italiana, con Woody spaesato più che mai.

Sali   


Critica di Emanuela Martini, "FilmTv":

Affettuoso e tristissimo, forse il "testamento" più bello di Woody Allen sul mondo dello spettacolo. Lo spettacolo più piccolo, quello sempre un pò ai margini, sempre a rincorrere la grande occasione. Un film di lancinante onestà e appassionato rigore. Bianco e nero e musica impeccabili; squarci comici irresistibili; una Mia Farrow inedita, in versione "maggiorata".

Sali   


Critica da "Il Mereghetti 2000":

Ritratto sommesso e partecipe del mondo dello spettacolo da «dietro le quinte» (tutto il film è raccontato in flashback da un gruppo di comici) è, con "Ombre e nebbia", il film più «religioso» del regista, tutto concentrato sui temi della colpa, del tradimento, del Bene e del Male, del rimorso e della redenzione. Le situazioni comiche e gli equivoci tipici della commedia (la sguaiata tina è l'ex moglie di un gangster e due fratelli mafiosi vogliono uccidere chiunque le si avvicini) non sminuiscono il desolante ritratto ritratto dello showbiz e di un mondo ostile dove Danny assomiglia sempre più al biblico Giobbe, un «santo» la cui missione è quella di salvare i derelitti, un profeta «imperfetto e confuso» come richiede il tono dolcemente tenero del film.

Sali

Recensione Broadway Danny Rose

E' sempre sorprendente il modo in cui Allen riesca a parlare per rimbalzi. Narra la storia di un agente sgangherato, di buon cuore e un po' sfortunato di Broadway e riesce a parlare di colpe e redenzioni. Gira un film sulle illusioni e i retroscena del mondo dello spettacolo e riesce a compiere una parabola religiosa, ma senza mostrare nulla esplicitamente. Tenendosi fedele ad una trama lineare e ad un argomento (il mondo dello spettacolo) le sue storie rispecchiano altri temi, di rimbalzo figurano altri scenari rispetto a quelli messi in mostra.
Oltre a questo c'è sempre una parte di sperimentazione visiva che procede di pari passo con la narrazione. In questo caso per la parabola semi-religiosa di un disperato "benefattore" (a modo suo) Allen sceglie un bianco e nero poco contrastato, diverso da quello a tinte forti di Manhattan, molto più soffice e smussato, abbinato, come sempre, alla profondità di campo e come sempre le lunghe sequenze dominano su segmenti più dinamici e frammentati.
In aggiunta infine spesso (e questo è uno di quei casi) Allen non si fa mancare una sperimentazione narrativa. In Broadway Danny Rose, ci sono alcuni comici che si ritrovano e ricordano i vecchi tempi di Broadway e qualcuno ad un certo punto fa il nome di Danny Rose. Partono alcuni brevi aneddoti preparatori e poi uno di loro inizia il lungo racconto che occupa tutto il film, la storia più strana tra quelle legate a questo mitico personaggio. Una struttura stranissima, prima piccoli aneddoti preparatori e poi il corpo del racconto, un modo particolare di introdurre la figura, far prendere confidenza allo spettatore con il carattere in gioco e poi procedere con il grosso.
Non ci sono possibili dubbi sul fatto che vedendo un film di Woody Allen, anche il suo peggiore, ci si trovi davanti al miglior cinema possibile.

Gabriele Niola

 

CREDITI COMPLETI PER Broadway Danny Rose

Directed by
Woody Allen

Writing credits
Woody Allen

Cast (in credits order)
Woody Allen .... Danny Rose
Mia Farrow .... Tina Vitale
Nick Apollo Forte .... Lou Canova
Sandy Baron .... Himself
Corbett Monica .... Himself
Jackie Gayle .... Himself
Morty Gunty .... Himself
Will Jordan .... Himself
Howard Storm .... Himself
Jack Rollins .... Himself
Milton Berle .... Himself
Craig Vandenburgh .... Ray Webb
Herb Reynolds .... Barney Dunn
Paul Greco .... Vito Rispoli
Frank Renzulli .... Joe Rispoli
Edwin Bordo .... Johnny Rispoli
Gina DeAngeles .... Johnny's Mother (as Gina DeAngelis)
Peter Castellotti .... Hood at Warehouse
Sandy Richman .... Teresa
Gerald Schoenfeld .... Sid Bacharach
Olga Barbato .... Angelina
David Kissell .... Phil Chomsky
Gloria Parker .... Water Glass Virtuoso
Bob Rollins .... Balloon Act
Etta Rollins .... Balloon Act
Robert Weil .... Herbie Jayson (as Bob Weil)
David Kieserman .... Ralph, Club Owner
Mark Hardwick .... Blind Xylophonist
Alba Ballard .... Bird Lady
Maurice Shrog .... Hypnotist
Belle Berger .... Lady in Trance
Herschel Rosen .... Lady's Husband
Joe Franklin .... Himself
Cecilia Amerling .... Fan in Dressing Room
Maggie Ranone .... Lou's Daughter
Charles D'Amodio .... Lou's Son
Joie Gallo .... Angelina's Assistant
Carl Pistilli .... Tommy's Brother
Lucy Iacono .... Tommy's Mother
Julia Barbuto .... Tropical Fish Lady
Anna Sceusa .... Lady at Angelina's
Nicholas Pantano .... Greeter at Party
Rocco Pantano .... Greeter at Party
Tony Turca .... Rocco
Gilda Torterello .... Annie
Ronald Maccone .... Vincent
Antoinette Raffone .... Vincent's Wife
Michael Badalucco .... Money Ripper
Richard Lanzano .... Money Ripper
Dom Matteo .... Carmine
Camille Saviola .... Lady at Party
Sheila Bond .... Lady at Party
Betty Rosotti .... Lady at Party
Howard Cosell .... Himself
John Doumanian .... Waldorf Manager
Gary Reynolds .... Manager's Friend
Diane Zolten .... Fan at Waldorf
William Paulson .... Fan at Waldorf
George Axler .... Fan at Waldorf
Leo Steiner .... Deli Owner

rest of cast listed alphabetically
Danny Aiello .... (uncredited)
Sammy Davis Jr. .... Thanksgiving Parade's Guest (uncredited)

Produced by
Robert Greenhut .... producer
Charles H. Joffe .... executive producer
Michael Peyser .... associate producer

Original Music by
Nick Apollo Forte (songs "Agita", "My Bambina")

Cinematography by Gordon Willis

Film Editing by Susan E. Morse

Casting by Juliet Taylor

Production Design by Mel Bourne

Set Decoration by Leslie Bloom (as Les Bloom)

Costume Design by Jeffrey Kurland

Makeup Department
Fern Buchner .... makeup designer
Romaine Greene .... hair designer
Jay Cannistraci .... additional makeup artist (uncredited)

Production Management
Frederic B. Blankfein .... production manager (as Fredric B. Blankfein)
Ezra Swerdlow .... unit production manager

Second Unit Director or Assistant Director
Les Banda .... additional second assistant director
James Chory .... second assistant director
Jonathan Filley .... additional second assistant director
Carl Kabat .... dga trainee
Thomas A. Reilly .... first assistant director (as Thomas Reilly)

Art Department
Joan Lopate .... art department coordinator
James Mazzola .... property master
Kevin McCarthy .... set dresser
Arne Olsen .... construction grip
James Sorice .... master scenic artist
Kenneth Vogt .... property man
Dave Weinman .... chief set dresser

Sound Department
Rick Dior .... sound re-recording mixer
Frank Graziadei .... sound recordist
James Sabat .... production sound mixer
Louis Sabat .... boom operator
Dan Sable .... supervising sound editor
Lynn Sable .... assistant sound editor
Neil Eric Wenger .... apprentice sound editor
Roy B. Yokelson .... music recording engineer
Marko A. Costanzo .... foley artist (uncredited)

Other crew
A. Dean Bell .... apprentice film editor
Nicholas Bernstein .... production staff
Timothy M. Bourne .... location coordinator (as Timothy Marshall Bourne)
Ronald Burke .... dolly grip
Kay Chapin .... script supervisor
Bill Christians .... wardrobe supervisor: men
Dominic Cortese .... musician: accordion solo
William Curry .... transportation captain
James A. Davis .... production staff
Patricia Eiben .... wardrobe supervisor: women
James Fitzpatrick .... best boy
Nick Apollo Forte .... singer
Lee Gottsegen .... production staff
James Greenhut .... studio manager
Brian Hamill .... still photographer
Douglas C. Hart .... first assistant camera
Joseph Hartwick .... location auditor
Paula Herold .... casting associate
Dick Hyman .... music supervisor
Peter Lombardi .... assistant location auditor
Amy Lubchansky .... production accountant
Jane Read Martin .... assistant: Mr. Allen (as Jane Martin)
Tom McKinley .... assistant: Mr. Kurland
Dick Mingalone .... camera operator
Richard Nord .... assistant film editor
Robert Paone .... second assistant camera (as Bob Paone)
Joseph Pierson .... production staff
Ray Quinlan .... gaffer
Helen Robin .... production coordinator
Gail Sicilia .... production associate
Jeffrey Stern .... assistant film editor
Tom Swerdlow .... production staff
Todd M. Thaler .... assistant production coordinator (as Todd Michael Thaler)
Carl Turnquest Jr. .... projectionist (as Carl Turnquest)
Robert Ward .... key grip (as Bob Ward)