Il dormiglione regista, sceneggiatore, attore dvd8 1976 commedia
   (Sleeper)

Regia: Woody Allen
Sceneggiatura.: Woody Allen, Marshall Brickman
Fotografia: David M. Walsh
Scenografia: Dale Hennesy
Costumi: Joel Schumacher
Musiche: Preservation Hall Jazz Band, New Orleans Funeral Ragtime Orchestra
Montaggio
: Ron Kalish

4 film di W. Allen regista, è il più politico, ma anche il meno armonico: squilibrato nella trama, raccontata a parole più che in immagini; diseguale nei dialoghi e nelle gag comiche.

Interpreti: Woody Allen (Miles Monroe), Diane Keaton (Luna Schlosser), John Beck (Erno Windt), Mary Gregory (dottoressa Melik), John McLiam (Dr.Agon) Chris Forbes (Rainer Krebs)

Nazione: USA
Produz: United Artists
Distribuz.
United Artists
Durata:
88', colore
Genere: commedia

APPROFONDIMENTI

La Trama:

Siamo nel 2173. L'America è nelle mani di un Grande Leader che esercita un potere dittatoriale. Un gruppo di scienziati ribelli scongela Miles Monroe, un uomo ibernato nel 1973, a cui sarà affidato il compito di indagare sul misterioso piano Ires. Miles, travestito da robot, viene affidato alla poetessa Luna. Quest'ultima lo denuncia e la polizia decide di sottoporre entrambi alla riprogrammazione del cervello. I due fuggono ma Miles viene catturato e reso innocuo. Luna diventa una ribelle e si innamora del leader Erno. I due salvano Miles, che riacquista la memoria. Luna e Miles scoprono che del Grande Leader è rimasto solo il naso. Sottrattolo ai medici, lo gettano sotto una schiacciasassi. Alla fine, Miles dichiara a Luna il suo amore.

APPROFONDIMENTI:

Budget: $2m (USA)
Gross: $18.3m (USA)
Filming Dates: May, 1973 to June, 1973


 

Premi e riconoscimenti: Il dormiglione

 

Curiosità da: Il dormiglione

  • Woody Allen confirmed the scientific feasibility of his screenplay ideas in a single lunchtime meeting with Isaac Asimov.
  • The rebels' anthem is the same one used in Bananas (1971).
  • The voice of the evil computer is that of Douglas Rain, parodying his role as the voice of HAL in 2001: A Space Odyssey (1968).
  • The exteriors for the beige building in which Woody Allen's character lives (and where the nose is destroyed) were shot at the National Center for Atmospheric Research (NCAR) Foothils Laboratory in Boulder, Colorado, USA.
  • The device used to give injections is actually a "desoldering vacuum" (used for disassembling electronic components) that has been painted white.
  • Director Trademark: [Woody Allen] [writer] Luna is a poet.
  • Woody Allen originally intended the film to be three hours long, and in two parts. The first part would have him in the present day, coping with life, until his illness. And the second half, would be the futuristic part. But, United Artists rejected this concept.
  • Loosely based on the classic science fiction novel "When The Sleeper Wakes" by H. G. Wells.
  • Revealing mistakes: The tow cable for the raft costume is visible.
  • Boom mike visible: While Woody is describing the artifacts from the 1970s.

 

Citazioni da il dormiglione

Frasi

  • Il mio cervello è il mio secondo organo preferito. (Miles)
  • Nixon era un bravo presidente, però quando usciva dalla Casa Bianca il servizio d'ordine contava l'argenteria. (Miles)
  • Non voglio assolutamente sentirne parlare. Il mondo è pieno di cose meravigliose. Perché deve esserci qualcosa che vien fuori a guastare tutto? Voglio dire, perché ci deve essere una resistenza? Dopo tutto, c'è il globo, c'è il teleschermo e c'è l'orgasmatich! (Luna)

Dialoghi

  • Luna: Vuoi esibirti in un atto sessuale con me?
    Miles: Esibirmi? Mi sa che non sono all'altezza di una vera e propria esibizione. Possiamo però fare una prova in costume, se ti va.
  • Luna: Come hai saputo tu del sesso?
    Miles: Io? Da mia madre. Quand'ero piccolo le chiesi: da dove escono i bambini? Lei capì "i piombini" e mi disse "dal fucile". Quando una signora del palazzo ebbe tre gemelli io pensai che fosse a tre canne

 

  Miles Monroe Woody Allen
  Luna Schlosser  Diane Keaton
  Erno Windt John Beck
2175: Miles Monroe viene catturato dai rivoluzionari Erno Windt e Luna Schlosser, che inscenano con lui uno psicodramma facendogli rivivere avvenimenti capitatigli duecento anni prima. Improvvisamente, dalla memoria di Miles  riaffiora Ultimo tango a Parigi.
Miles Monroe (WA)
(con cadenza francese e voce femminile)
Oh no! No, ti prego, il topo non lo voglio, il topo no, non lo posso vedere. Je t'en prie, metti via il topo, togli il topo se mi ami!
Luna Schlosser Erno! Erno, cosa gli prende?
Erno Windt Qualcosa non ha funzionato. Il suo cervello è bloccato altrove, si crede un’altra persona.
Miles Monroe Oh no no, mi fa schifo.
Luna Schlosser Miles! Miles, chi sei ora, Miles?
Miles Monroe Marie... Marie Schneider! Un tango, voglio un tango!
Erno Windt È come un sonnambulo, risvegliarlo può essere fatale.
Luna Schlosser Allora come si fa?
Erno Windt Hai visto Tango a Parigi al Sex-Cineclub! Vedi di assecondarlo!
Miles Monroe Sono la romantica degli anni Settanta! Amo le vecchie case di Parigi! Vecchi appartamenti, privi di letti e di poltrone, e dormire sulla moquette con uno sconosciuto per coperta. Un estraneo violento, ma... ma grassuccio. Un tesoro di stronzo! Io amo le cose vecchie e amo le cose nuove! Quei blue-jeans con la lampo di dietro, io li adoro!
Luna Schlosser
(imitando Marlon Brando)
Io ci ho azzeccato fin dal principio! Le glaces comme toi, you know... lo sai come me le faccio le donne come te? Al burro! E se mi vuoi, tagliati le unghie, stronza! Se no io ti dico: Ah! Chiaro, merda? Ah, Ah! Yeah! I think...yeah! ...
Miles Monroe Tu non sei il gentiluomo che avevo immaginato. No, il topo no! Je vous en prie... Sai che odio i topi, mi fanno senso più della censura!

 

 

 

Commenti a Il dormiglione

Nel 2173, dopo 200 anni di ibernazione, un musicista di jazz riprende a vivere e viene coinvolto nella ribellione contro un potente dittatore. 4 film di W. Allen regista, è il più politico, ma anche il meno armonico: squilibrato nella trama, raccontata a parole più che in immagini; diseguale nei dialoghi e nelle gag comiche. La parodia della fantascienza è un genere difficilissimo, e anche Allen riesce soltanto in parte. La forza comica di molte trovate, l'irriverenza polemica (contro il potere, la tecnologia, i mass media), l'intelligenza sono, comunque, fuori discussione. Nell'edizione italiana il film scimmiottato da Allen è Ultimo tango a Parigi e non Un tram che si chiama Desiderio come nell'originale. Bravissima D. Keaton.

Il Morandini, Zanichelli Editore


 

Recensione da "Il Mereghetti 2000":

Da un soggeto di Allen e Marshall Brickman, una storia costruita sul modello dei vecchi film comici muti, con un protagonista un po' a disagio. L'indiavolata colonna sonora è composta e suonata da Allen con la Preservation Hall Jazz Band di New Orleans.

 


Di Wikipedia

Divertente. Sempre presente l'ironia e la comicità di Allen. Satira del potere, della tecnologia e dei mass media e delle società "moderne", dei loro luoghi comuni e totem, nonché dei loro pericoli.

Pieno di gag semplici che nascono dal circo, dalle battute piene di ironia. La scena della clonazione ricorda molto certe sequenze dei film dei fratelli Marx e per vivacità dei dialoghi e per la mimica.
La frase che, nella sua triste ironia, è forse sintesi del film è detta da Luna


:

Collabora a Wikiquote
«Non voglio assolutamente sentirne parlare. Il mondo è pieno di cose meravigliose. Perché deve esserci qualcosa che vien fuori a guastare tutto? Voglio dire, perché ci deve essere una resistenza? Dopo tutto, c'è il globo, c'è il teleschermo e c'è l'orgasmatich

Da cosedaunaltromondo.it

NEL FUTURO IMMAGINATO DA WOODY ALLEN SI VIVE PEGGIO CHE NEL PRESENTE. IL CIBO NON SCARSEGGIA MA PROVIENE DA SERRE ARTIFICIALI; LE DONNE SONO ATTRAENTI MA FRIGIDE; GLI UOMINI, SONO LIBERATI DALLE FATICHE DEL LAVORO GRAZIE ALL'IMPIEGO DI EFFICIENTISSIMI ROBOT, MA L'OZIO NEL QUALE TRASCORRONO LE GIORNATE RIFLETTE L'ABBRUTIMENTO DI UNA CULTURA APPIATTITA SULLA PIÙ STERILE DELLE DIMENSIONI.
WOODY ALLEN RECEPISCE LE ISTANZE CRITICHE CHE CARATTERIZZANO LA FANTASCIENZA CINEMATOGRAFICA DEGLI ANNI '70 (E CHE CURIOSAMENTE SI RINTRACCIANO, NELLO STESSO 1973, IN ZARDOZ E IN GENESIS II) E SEMBRA VOLERNE UTILIZZARE GLI ELEMENTI E LE SITUAZIONI CODIFICATE (L'IBERNAZIONE, LE MACCHINE CHE PROCURANO IL PIACERE SESSUALE, L'UMANITÀ INERTE E ALIENATA, L'OPPRESSIVO CONTROLLO SOCIALE, IL MITO DI UN FALSO BENESSERE STRUMENTALE ALL'IDEOLOGIA REPRESSIVA) PER DENUNCIARE LE ANOMALIE DEL PRESENTE E CONCORRERE ALLA PROGETTAZIONE DELL'UTOPIA LIBERTARIA.
MA SE IL FILM CENTRA (MODERATAMENTE) L'OBIETTIVO DI DIVERTIRE, LA STORIA SMUSSA GLI STRALI DELLA SATIRA TAGLIENTE AFFIEVOLENDOSI IN UNA PARODIA DI MANIERA, A TRATTI EPISODICA, SUPERFICIALE PUR NELLA SUA PARADOSSALITÀ.
PIÙ INTERESSANTE È, INVECE - ANCHE SE PER MOLTI COMMENTATORI NON DEL TUTTO RIUSCITO, A CAUSA DEL RITMO LENTO IMPRESSO ALLA VICENDA - IL TENTATIVO DEL REGISTA DI ATTEGGIARSI A CONTINUATORE DELLA COMMEDIA COMICA MUTA, PREFERENDO LIMITARE L'UMORISMO DELLA PAROLA A VANTAGGIO DELL'ESPRESSIONE GESTUALE.
TRA LE CITAZIONI CONTENUTE NEL FILM RICORDIAMO:
- LA VOCE DEL COMPUTER MODULATA SULLE TONALITÀ DI HAL DI 2001 ODISSEA NELLO SPAZIO;
- L'INNO DEI RIVOLUZIONARI CHE RICALCA QUELLO DI IL DITTATORE DELLO STATO LIBERO DI BANANAS;
- LA TECNOLOGIA IMPAZZITA COME IN TEMPI MODERNI DI CHAPLIN;
- LO PSICODRAMMA CHE IRONIZZA SU UN TRAM CHIAMATO DESIDERIO (CHE NEL DOPPIAGGIO ITALIANO È RIADATTATO SULL'ULTIMO TANGO A PARIGI). (FANTAFILM.IT)

 

Commenti pubblici a il dormiglione

 

Marlon Brando  @  21/01/2007 22.44.39
   8 / 10
Grande satira sociale sul presente e sul futuro.
Il film vanta gag efficaci e una parodia esilarante di Ultimo tango a Parigi (che in realtà, nella versione originale in inglese, è di Un tram che si chiama desiderio, e fa ancora più ridere).

eddie89  @  03/01/2007 23.52.58
   8½ / 10
Grandissimo omaggio al cinema muto da parte del fenomenale regista americano Woody Allen che, per questo suo film, lascia un po' da parte le sue battute argute (anche se queste sono comunque presenti ) per concentrarsi principalmente sulla gestualità. Anche in questo caso Allen ci delizia con una satira pungente che va a colpire il progresso scientifico.

Andre85  @  03/01/2007 21.07.56
   8 / 10
divertentissima commedia di woody allen che cosparge la pellicola di storiche battute! alcuni scatch ricordano tantissimo chaplin

Exodus  @  29/09/2006 14.09.40
   6½ / 10
Ci sono sicuramente spunti interessanti, ma secondo me non è tra i migliori del regista; al di là di qualche trovata simpatica, la satira appare un pò forzata e non riesce a strappare che qualche risatina poco convinta.

doppiak  @  07/09/2006 23.18.49
   8 / 10
è il primo film che guardo di allen, beh ho trovato un altro regista che mi piace... si perchè se gli altri film sono divertenti cm questo, vale la pena guardarli... alcune gag fenomenali... bello bello...

Mavors84  @  07/04/2006 10.23.54
   7 / 10
il mio voto dice tutto io non amo molto allen ma in questo film ci sono delle ottime idee che ha sviluppato in altri film! un sette basta e avanza :D

Invia una mail all'autore del commento PAOLUCCIA  @  28/01/2006 19.47.09
   8 / 10
"Io non credo nella scienza.No,perche' sai..la scienza e' un vicolo cieco..intellettuale,sono un sacco di ometti con dei camici che sventrano ranocchi e svenano fondazioni"

Ancora una volta Allen,in uno dei suoi primissimi film,e' critico nei confronti dell'ambito scientifico e del progresso.
Vegetariano e salutista degli anni '70,viene proiettato in un'era esaltatrice dei grassi,del tabacco e dei 1200 canali televisivi,
dove la naturalezza dei rapporti sessuali e' stata trasformata in macchine ricreatrici di orgasmi.
Se in
"Everything You Always Wanted to Know About Sex, but Were Afraid to Ask"
veniva mostrata la creazione di una minacciosa tetta gigante che spruzzava latte,ne "il dormiglione" a figurare sono frutti e ortaggi dalle dimensioni spaventose,prodotto dell'ennesima follia dell'uomo.

L'estroso e surreale prendersi gioco di Di.o e' insuperabile,
con il dispositivo che effettua le confessioni,e che se ottieni l'assoluzione,ti fa anche un regalino.
L'anticlericalismo dilaga con la leggenda di un Papa che secoli addietro si era impossessato di una bomba atomica scatenando una guerra e con la notizia che alla fine del XX secolo un altro pontefice era diventato padre di due gemelli.

Il jazz come al solito fa la sua parte,dando quell'enfasi in piu' a una pellicola divertentissima
Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  13/01/2006 14.42.00
   8 / 10
divertentissimo film in cui allen imperversa con la sua comicità surreale

Gruppo COLLABORATORI paul  @  31/07/2005 2.28.18
   8 / 10
Bellissima commedia futuristica che fa il verso al presente: un omaggio chiaro a Chaplin e Buster Keaton, oltre che al teatro immaginario di Checov (e al suo racconto "IL naso") e al cinema muto in generale.

2 risposte al commento
Ultima risposta 28/01/2006
Visualizza / Rispondi al commento
lorenz!£  @  17/05/2005 18.19.35
   9 / 10
belo bello bello.uno dei migliori allen nn come zelig naturalmente ma molto spiritoso provocante fa molto ridere. molto all'avanguardia x quel tempo perfetta la keaton sono presenti molto messaggi nn verbali di allen. la sfera la svastica eccc eccc sembra la tipologia del fil muto.. un bel film da affittare


Gruppo COLLABORATORI Requiem  @  06/02/2005 11.04.17
   8 / 10
"Le unice cose certe nella vita sono il sesso e il decesso"....

Geniale Allen prima maniera, pieno di battute e di gag divertenti, molto vicine a quelle dei film muti.
Molto molto divertente, anche se ovviamente non all'altezza dei successivi capolavori del regista.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  06/02/2005 1.16.19
   8 / 10
Film del primo periodo allenniano offre gag esilaranti e battute a gogo

marco86  @  16/01/2005 12.44.18
   7 / 10
Voto:7,5
Woody Allen non ha ancora raggiunto la perfezione di molti suoi film successivi,ma Il Dormiglione rimane una grande opera di satira nei confronti praticamente di tutto:dalla fantascienza alla politica.Le gag comiche stile film muto non sempre sono divertenti,così come le battute di Allen.Alcune sequenze però sono memorabili,come quella in cui Diane Keaton ha degli ospiti che godono nel toccare quella sfera che è un pò la canna del futuro.

dedalo1267  @  02/12/2004 15.03.55
   10 / 10
Mitico.... la battuta sulla volkswagen e'splendida,l'orgasmatic e' ancora meglio
splendido film di allen fra i primi che ha fatto cerchero' di rivederlo.

 

 

 

 

 

 

CREDITI COMPLETI DE il dormiglione

 

Directed by Woody Allen

Writing credits
Woody Allen and Marshall Brickman

Cast (in credits order) Woody Allen .... Miles Monroe
Diane Keaton .... Luna Schlosser
John Beck .... Erno Windt
Mary Gregory .... Dr. Melik
Don Keefer .... Dr. Tryon
John McLiam .... Dr. Aragon
Bartlett Robinson .... Dr. Orva
Chris Forbes .... Rainer Krebs
Mews Small .... Dr. Nero (as Marya Small)
Peter Hobbs .... Dr. Dean
Susan Miller .... Ellen Pogrebin
Lou Picetti .... M.C.
Jessica Rains .... Woman in the Mirror
Brian Avery .... Herald Cohen
Spencer Milligan .... Jeb Hrmthmg
Stanley Ross .... Sears Swiggles

Rest of cast listed alphabetically:
Howard Cosell .... Himself (on Wide World of Sports) (archive footage) (uncredited)
Jackie Mason .... Robot Tailor (uncredited) (voice)
Richard Nixon .... Himself (Checkers speech?) (archive footage) (uncredited)
Albert Popwell .... Reprogramming scientist (uncredited)
Douglas Rain .... Evil Computer (uncredited) (voice)
Whitney Rydbeck .... Janus (uncredited)

Produced by
Marshall Brickman .... associate producer
Jack Grossberg .... producer
Charles H. Joffe .... executive producer
Ralph Rosenblum .... associate producer
Jack Rollins .... executive producer (uncredited)

Original Music by Woody Allen

Cinematography by David M. Walsh

Film Editing by
O. Nicholas Brown
Ron Kalish
Ralph Rosenblum

Casting by Lynn Stalmaster

Production Design by Dale Hennesy

Set Decoration by Gary Moreno

Costume Design by Joel Schumacher

Makeup Department
Del Acevedo .... makeup artist
Janice Brunson .... hair stylist

Second Unit Director or Assistant Director
Fred T. Gallo .... first assistant director
Henry J. Lange Jr. .... second assistant director

Art Department
Barry Bedig .... property master
Charles Deaton .... architect: Doctor Melik's house
Jack M. Marino .... assistant property master
Gary Martin .... set coordinator (as Gary O. Martin)
Dianne Wager .... set designer

Sound Department
Al Gramaglia .... sound re-recording mixer: Magno Sound Recording Inc.
Norman Kasow .... sound effects editor: Filmsounds, Inc.
Phil Ramone .... music recordist
Jack Solomon .... sound mixer
Jess Soraci .... sound effects editor: Filmsounds, Inc.

Special Effects by
A.D. Flowers .... special effects
Gerald Endler .... location special effects (uncredited)

Visual Effects by
Harvey Plastrik .... opticals
Stunts
M. James Arnett .... stunt coordinator

Other crew
Joseph Edesa .... gaffer
Antonio Encarnacion .... assistant to producer (as Tony Encamacion)
Felix Giglio .... music supervisor
Jean Gingerich .... production accountant
Norman Gorbaty .... title designer
Doris Grau .... script supervisor
Bill Hansard .... projectionist: background projection
Norman Harris .... best boy (as Norman L. Harris)
Clyde Hart .... key grip (as Clyde W. Hart)
Lori Imbler .... production secretary
Arnie Lipin .... wardrobe supervisor (as Arnold M. Lipin)
R.J. Louis .... location coordinator
Joel Marrow .... assistant to producer
Joe Sawyers .... transportation captain (as Joe R. Sawyers)
Roger Shearman .... camera operator
Trudy Ship .... assistant editor
Peter J. Silbermann .... unit publicist
G. Fern Weber .... wardrobe supervisor