Io e Annie regista, sceneggiatore, attore dvd8 1977 commedia
   (Annie Hall )

Regia: Woody Allen
Sceneggiatura.: Woody Allen & Marshall Brickman
Fotografia: Gordon Willis
Scenografia: Mel Bourne
Costumi: Ralph Lauren, Ruth Morley
Musiche: AAVV
Montaggio: Ralph Rosemblum

Un capolavoro dell'allenismo: caldo, spiritoso, ironico, delizioso. Vi appaiono per pochi secondi Sigourney Weaver, Beverly D'Angelo, Jeff Goldblum. Diventeranno famosi.

Interpreti: Woody Allen (Alvy Singer), Diane Keaton (Annie Hall), Tony Roberts (Rob), Carol Kane (Allison), Paul Simon (Tony Lacey), Janet Margolin (Robin), Russel Horton (uomo in fila al cinema), Marshall McLuhan (sé stesso)

Nazione: USA
Produz: United Artists
Distribuz.
Warner
Durata:
93', colore
Genere: commedia

Filmografia

Alvy Singer è un comico di successo, con due matrimoni falliti alle spalle. Un giorno conosce Annie Hall, una ragazza timida di cui si innamora. Alvy la incita ad ampliare la propria cultura e Annie segue i suoi consigli, pur rimanendo insicura. Sessualmente le cose fra i due non vanno troppo bene e anche le differenze sociali finiscono per pesare. Durante un concerto, Annie viene notata da un produttore e la cosa fa ingelosire Alvy. Con l'aiuto della psicanalisi, Annie cresce e decide di interrompere il rapporto con Alvy, ma poi i due partono insieme per la California. Qui Annie ritrova il discografico che aveva promesso di lanciarla e Alvy rimane solo. Tornato a New York, decide di scrivere una commedia sulla sua storia d'amore. Il lieto fine è però opera di fantasia: Annie torna in città e intreccia una serena amicizia con l'ex-fidanzato.

APPROFONDIMENTI:

Budget: $4m (USA)
Gross: $38.3m (USA), SEK 5,209,927 (Sweden)

 

 


 

Premi e riconoscimenti: Io e Annie

  • Academy Awards, USA - 1978
    Won Oscar

    Best Actress in a Leading Role
    Diane Keaton

    Best Director
    Woody Allen Woody Allen was not present at the awards ceremony. Co-presenter King Vidor accepted the award on his behalf.

    Best Picture
    Charles H. Joffe

    Best Writing, Screenplay Written Directly for the Screen
    Woody Allen, Marshall Brickman
    Woody Allen was not present at the awards ceremony.

    Nominated Oscar

    Best Actor in a Leading Role Woody Allen

  • BAFTA Awards - 1978
    Won BAFTA Film Award

    Best Actress
    Diane Keaton

    Best Direction
    Woody Allen

    Best Editing
    Ralph Rosenblum, Wendy Greene Bricmont

    Best Film

    Best Screenplay
    Woody Allen, Marshall Brickman

    Nominated BAFTA Film Award

    Best Actor
    Woody Allen

  • Bodil Awards - 1978
    Won Bodil

    Best Non-European Film (Bedste ikke-europæiske film)
    Woody Allen (director)

  • Céésar Awards, France - 1978
    Nominated César Best Foreign Film (Meilleur film étranger)
    Woody Allen
  • Directors Guild of America, USA - 1978
    Won DGA Award

    Outstanding Directorial Achievement in Motion Pictures
    Woody Allen, Robert Greenhut (unit production manager) (plaque)
    Fred T. Gallo (first assistant director) (plaque)
    Frederic B. Blankfein (second assistant director) (plaque)

  • Golden Globes, USA - 1978
    Won Golden Globe

    Best Motion Picture Actress - Musical/Comedy
    Diane Keaton

    Nominated Golden Globe

    Best Director - Motion Picture
    Woody Allen

    Best Motion Picture - Musical/Comedy

    Best Motion Picture Actor - Musical/Comedy
    Woody Allen

    Best Screenplay - Motion Picture
    Woody Allen, Marshall Brickman

  • Guild of German Art House Cinemas - 1979
    Won Guild Film Award - Gold

    Foreign Film (Ausländischer Film)
    Woody Allen

  • Los Angeles Film Critics Association Awards - 1977
    Won LAFCA Award

    Best Screenplay
    Woody Allen, Marshall Brickman

  • National Board of Review, USA - 1977
    Won NBR Award

    Best Supporting Actress
    Diane Keaton

  • National Film Preservation Board, USA - 1992
    National Film Registry
  • National Society of Film Critics Awards, USA - 1977
    Won NSFC Award

    Best Actress
    Diane Keaton

    Best Film Best Screenplay
    Woody Allen, Marshall Brickman

  • New York Film Critics Circle Awards - 1977
    Won NYFCC Award

    Best Actress
    Diane Keaton

    Best Director
    Woody Allen

    Best Film

    Best Screenplay
    Woody Allen, Marshall Brickman

  • Writers Guild of America, USA - 1978
    Won WGA Award (Screen)
    Best Comedy Written Directly for the Screen
    Woody Allen, Marshall Brickman

 

Curiosità Io e Annie


  • Il personaggio di Annie Hall ha il vero cognome di Diane Keaton, che la interpreta, all'epoca compagna di Woody Allen anche nella vita, il cui vero nome è proprio Diane Hall. Annie é inoltre il soprannome con cui Woody Allen chiamava Diane Keaton all'epoca della loro relazione.
  • Originariamente il film doveva chiamarsi Anedonia (cioè l'impossibilità di provare piacere) e avere come fulcro la vita del protagonista Alvy (Woody Allen). Giudicando la cosa troppo narcisista, il regista trasformò la vicenda in una storia d'amore e dedicò molto più spazio alla coprotagonista Diane Keaton.
  • Tra gli attori del film compaiono, in piccole parti star come Shelley Duvall (è una delle ragazze di Allen), Christopher Walken (è il fratello di Annie) e Paul Simon (è l'amante di Annie).
  • Alvy's (Allen, Woody's) sneezing into the cocaine was an unscripted accident. When previewed, the audience laughed so loud that director Allen decided to leave it in, and had to add footage to compensate for people missing the next few jokes from laughing too much.
  • Allen originally envisioned this movie as a murder mystery, and that's how it was shot, with a subplot about a romance. During editing, Allen realized that all the best footage was of the romance, so he reedited the film as a romantic comedy.
  • During the lobster-cooking scene Annie runs and retrieves a camera to take pictures of Alvy dealing with the crustaceans. Later, when Alvy runs over to Annie's house to smash a spider, the series of photos Annie took is on the wall in the background.
  • Keaton, Diane's real name is Diane Hall and her nickname is Annie.
  • Weaver, Sigourney's screen debut, in a non-speaking part as Alvy's date near the end of the movie.
  • The jokes that Allen, Woody tells in front of the audience at the University of Wisconsin and on "The Dick Cavett Show" are from his stand-up comic days.
  • Annie's outfits, which caused a brief fashion rage, were Keaton, Diane's own clothes.
  • When waiting in front of the movie theater Woody Allen's character Alvy Singer says, "I'm standing out here with the cast of the Godfather", to Diane Keaton, who was in the cast of "The Godfather". Additionally, one of the men who bothers him for the autograph is played by actor Richard Petrocelli, who had a small role in The Godfather as a thug who protects Michael en route to the hospital.
  • In the scene where Alvy questions people on the street about what makes a relationship, a large crowd can be seen in the background watching the filming.
  • During the classroom flashbacks, one of the teachers writes, "Tuesday, December 1" on the chalkboard. December 1 is Woody Allen's birthday.
  • Ben Stiller comments how he likes the scene when Alvy has to meet Annie's family in AFI's 100 Years, 100 Movies (1998) and how it relates to him personally because he always was very apprehensive meeting his girlfriends parents. Ben Stiller starred in Meet the Parents (2000) which revolved around that very idea.
  • Alvy calls the two fans that pester him at the movie theatre 'Cheech,' in 'Bullets over Broadway,' also directed by Allen, Chazz Palminteri's gangster character is called 'Cheech.'
  • The film's working title was "Anhedonia" - the inability to feel pleasure. United Artists fought against it (among other things, they were unable to come up with an ad campaign that explained the meaning of the word) and Allen compromised on naming the film after the central character three week's before the film's premiere.
  • The film Alvy is waiting to see with Annie is Face to Face (1975) by Ingmar Bergman, one of Woody Allen's biggest influences.
  • "That was the most fun I've ever had without laughing" is a reference to the quote by H.L. Mencken in 1942 (and later Humphrey Bogart).

 

 

Citazioni da Io e Annie

Frasi da Io e Annie

  • La sapete quella di… hm… di quelle due vecchie signore in villeggiatura, sui monti Catskills, e una dice: "Mamma, come si mangia male in questo posto!" "Oh, sì, il vitto è uno schifo dice l'altra", dice l'altra, "e oltretutto ti danno porzioni così piccole!" Beh, questo è essenzialmente quel ch'io provo nei riguardi della vita: piena di solitudine e squallore, di guai, di dolori, di infelicità… e oltretutto dura troppo poco. C'è poi... c’è quell'altra battuta – importante per me – di solito attribuita a Groucho Marx... ma io credo che risalga a Freud, quando parla del motto di spirito e dei rapporti fra le barzellette e l'inconscio. Dice... cito a memoria... dice... hm... parafraso... dice: «Non accetterei mai di far parte di un circolo che accettasse fra i suoi soci uno come me». Questa è la battuta chiave della mia vita d’adulto per quanto riguarda i miei rapporti con le donne. (Alvy)
  • Frattanto si era fatto tardi e tutt'e due dovevamo andare per i fatti nostri. Ma era stato molto bello, rivedere ancora Annie, dico bene? Mi resi conto di quanto era in gamba – stupenda – e, sì, era un piacere… solo averla conosciuta… e allora io… ripensai a quella vecchia barzelletta, quella in cui c'è questo tizio che va dallo psichiatra e gli fa: "Dottore, mio fratello è pazzo. Crede d'essere una gallina." E allora il dottore gli dice: "Ma perché non lo rinchiude in manicomio?" E quel tale gli risponde: "Già! Ma poi dopo, l'ovetto fresco, a me, chi me lo fa?" Insomma, mi pare ch'è proprio così, grosso modo, che la penso io, riguardo ai rapporti umani. Mi spiego, sono del tutto irrazionali e pazzeschi e assurdi e… ma… mi sa tanto che li sopportiamo perché, hm… tutti quanti… più o meno ne abbiamo bisogno, dell'ovetto fresco. (Alvy)
  • Amore è un termine troppo debole. Ecco, io ti straamo, ti adamo, ti abramo! (Alvy)
  • Mi spiego, anche da piccolo io mi buttavo sulle donne sbagliate. Credo che sia questo, il mio problema. Quando la mamma mi portò a vedere Biancaneve, tutti quanti erano innamorati di Biancaneve. Io no. Io mi innamorai subito della Regina Cattiva. (Alvy)
  • Non mi hanno preso sotto le armi perché non ero abile, ma alienabile: in caso di guerra, ero da dare in ostaggio. (Alvy)
  • Togliamo di mezzo questo bacio, così poi non ci roviniamo la digestione. (Alvy)
  • Adoro essere ridotta ad uno stereotipo culturale. (Allison)

 

Dialoghi da Io e Annie

  • Annie: Oh, sei in analisi.
    Alvy: S-sì. Oh… da quindici anni appena.
    Annie: Quindici anni?
    Alvy: Sì, hm… adesso gli do un altro anno di tempo… e poi vado a Lourdes.
  • Alvy: Ho una concezione molto pessimistica, io, della vita. Devi saperlo, questo, sul mio conto, se dobbiamo frequentarci, mi spiego. Io... secondo me... io ritengo che la vita sia divisa in due categorie: l'orribile e il miserrimo. Sono queste le due categorie. Orribile sarebbero, non so, hm... i casi più gravi, mi spiego? Tutti i ciechi, gli storpi e così via.
    Annie: Sì.
    Alvy: Non so... Non lo so mica, come tirano avanti. Per me è qualcosa di stupefacente. Mi spiego? Miserrimo sono tutti gli altri. È tutto, tutto qui. Quindi, quando pensi alla vita, devi ringraziare il cielo se sei soltanto miserrimo, perché è... è una grossa fortuna... essere... essere miserrimo.

 

Scena1

  Alvy Singer  Woody Allen
  Annie Hall Diane Keaton
  Tony Lacey Paul Simon

Tony Lacey presenta ad Alvy Singer (WA) ed Annie Hall la sua fantastica villa californiana.

Tony Lacey La casa è molto grande, veramente. C'è tutto. Sauna, Jacuzzi, tre campi da tennis. Sapete di chi era? Di Nelson Eddy, originariamente. E sapete chi, poi, ci ha abitato?
Alvy Singer Chi?
Tony Lacey Charlie Chaplin.
Alvy Singer Ohibò.
Tony Lacey Prima che lo accusassero di attività antiamericane. (...)
Annie Hall Mamma, che bella questa saletta di proiezione. Veramente, molto bella.
Tony Lacey Eppoi, quanto a New York, c’è un'altra cosa. Se vuoi andare al cinema, devi fare la fila per entrare.
Annie Hall Sì.
Tony Lacey Pure se piove, pure se si gela dal freddo.
Annie Hall Sì.
Tony Lacey Qui invece...
Ragazza in bianco Ci ho visto La grande illusione, qui, l’altra sera.
Alvy Singer e Annie Hall insieme Ah, sì?
Uomo sul sofà Un gran bel film, se sei su in alto. (...)
Annie Hall È magnifico. Cioè, guardano film dalla mattina alla sera.
Alvy Singer Sì, e un po’ alla volta invecchi e infine muori. Mi spiego, è importante fare un piccolo sforzo, di tanto in tanto.

Sali

Scena2

  Alvy Singer  Woody Allen
  Annie Hall Diane Keaton
  Rob Tony Roberts
Rob Hai appuntamento con Annie e sei in ritardo, mi pare.
Alvy Singer (WA) No, tutt’altro. Mancano ancora dieci o dodici minuti.
Ci dobbiamo vedere davanti al Cinema Beekman. Qui a due passi.

Davanti al cinema un uomo lo ferma, riconoscendolo come un personaggio televisivo

Uomo Com'è che si chiama?
Alvy Singer Sono... io?... io sono Robert Redford.
Uomo Ma vada là!
Alvy Singer Alvy Singer. Molto gentile da parte sua. Grazie di... di tutto.
 

(... Annie Hall arriva al cinema)

Annie Hall Siamo di cattivo umore, a quanto pare.
Alvy Singer Di cattivo umore? Sono circondato da gente che sembrano comparse del Padrino!
 

(... Fanno la fila per andare a vedere L'immagine allo specchiodi Ingmar Bergman con Liv Ullmann)

Alvy Singer È già cominciato il film?
Cassiere Da un paio di minuti.
Alvy Singer Addio. Lasciamo stare. Ce lo siamo giocati.
Annie Hall Per due minuti, Alvy!
Alvy Singer No, mi dispiace, non posso. Ce lo siamo giocati. Io non entro a metà film.
Annie Hall A metà film? Ci siamo persi solo i titoli di testa. Tanto sono in svedese.
Alvy Singer Andiamo a pigliarci un caffè, 'sto paio d’ore. Aspetteremo il prossimo spettacolo.
Annie Hall Due ore? Ma sei matto. Io entro. Entro lo stesso.
Alvy Singer Va', va' pure. Arrivederci.
Annie Hall A quest’ora potremmo essere dentro, anziché qui fuori a litigare, ti rendi conto?
Alvy Singer Ehi, non restiamo qui, però, a litigare davanti a tutti, perché mi vergogno.
Annie Hall D'accordo, D’accordo, d'accordo, che cosa vuoi fare?
Alvy Singer Non so. A te... ti va di andare a un altro cinema? Allora andiamo a vedere Il dolore e la pietà.
Annie Hall Oh dai, l'abbiamo già visto. Non sono dell'umore adatto, poi, per un documentario di quattr'ore sui crimini nazisti.
Alvy Singer Mi... mi... mi dispiace. Non riesco a... Io, vedi, un film devo vederlo proprio dall’inizio. Dall'inizio alla fine. Perché... perché, io, sono anale.
Annie Hall H-hh, è un gentile eufemismo per dire quel che sei.

Alvy Singer (WA) e Annie Hall alle prese con un’aragosta

Alvy Singer Su... Mettila a lessare.
Annie Hall Non posso. Non sono capace di buttare una cosa viva nell’acqua bollente.
Alvy Singer Da’ qua. Dalla a me. Ci penso io. Del resto se l’aspetta. Che si credeva, che la portassimo al cine?

Alvy Singer (WA) e Annie Hall parlano de loro passato

Alvy Singer Dennis, dunque... eh? Un ragazzo di provincia, eh? Uno che ti dava appuntamento davanti a un cine, al sabato sera.
Annie Hall Oh, Dio, avresti dovuto vedermi... allora.
Alvy Singer (WA) Io non... non credo che sopporterei una serata amabile... non so se mi spiego. Ho la tendenza, io, a diventare troppo amabile... poi dolciastro, stucchevole... e poi fradicio, alla fine. Mi spiego, non è... non mi fa bene
  al...
Annie Hall D'accordo. Non vuoi andare al party. Allora, che si fa?
 

(Vanno in una sala cinematografica a rivedere Il destino e la pietà. Si vedono file di profughi e una didascalia che recita «Gli ebrei guerrafondai e i plutocrati parigini scappano con il loro oro e i loro gioielli», mentre uno speaker dice queste cose in tedesco)

Sali

Scena3

  Alvy Singer  Woody Allen
  Rob Tony Roberts
Alvy Singer (WA) Mi spiego, anche da piccolo io mi buttavo sulle donne sbagliate. Credo che sia questo, il mio problema. Quando la mamma mi portò a vedere Biancaneve, tutti quanti erano innamorati di Biancaneve. Io no. Io mi innamorai subito della Regina Cattiva.

(Annie Hall prende le sembianze della Regina Cattiva, Alvy Singer le sta accanto, anch’egli in figura di cartone)

Regina Cattiva Non ci divertiamo più, tu e io.
Alvy Singer
(in cartone animato)
Come puoi dire questo?
Regina Cattiva Posso, sì! Tu non fai che darmi il pilotto, e che devo
  migliorare me stessa, e che qua, e che là.
Alvy Singer
(in cartone animato)
Sei sconvolta, ecco tutto. Forse avrai le tue cose.
Regina Cattiva Io non ho le mestruazioni! Io sono un cartone animato. Non posso essere stravolta, una volta ogni tanto?

Interviene anche Rob in figura di cartone.

Rob Max, tu devi scordarti di Annie. Conosco un sacco di donne che potresti frequentare.
Alvy Singer
(in cartone animato)
Non voglio frequentare nessun’altra donna.
Rob Ho la ragazza, Max, che fa per te. Te n’innamorerai, vedrai. È una giornalista...

Sali

Scena4
  Alvy Singer  Woody Allen
  Annie Hall Diane Keaton
Annie Hall e AIvy Singer (WA) a letto dopo essere andati al cinema a vedere Il dolore e la pietà di Marcel Opbuls.
Alvy Singer (WA) Ragazzi, gli uomini della Resistenza francese erano veramente valorosi, mi spiego? Gli toccava ascoltare Maurice Chevalier che cantava, cantava.
Annie Hall Non so, tante volte mi chiedo come reagirei, io, sotto la tortura.
Alvy Singer Tu? Scherzi? Se solo la Gestapo si mettesse a tagliuzzare i tuoi vestiti, gli diresti tutto, tu!
Annie Hall Quel film m’ha fatto sentire in colpa.
Alvy Singer Eh, già. Era quello che voleva.
Alvy Singer Annie era tornata a New York. Viveva a Soho con un tale. E, quando l'incontrai, lo stava trascinando, nientemeno, a vedere Il dolore e la pietà. Cosa ch’io considerai come un trionfo mio, personale.

Sali

Scena5

  Alvy Singer  Woody Allen
  Annie Hall Diane Keaton
  Uomo fila cinema  Russel Horton
Alvy Sinyer (WA) C'è poi... c’è quell'altra battuta – importante per me – di solito attribuita a Groucho Marx... ma io credo che risalga a Freud, quando parla del motto di spirito e dei rapporti fra le barzellette e l'inconscio. Dice... cito a memoria... dice... hm... parafraso... dice: «Non accetterei mai di far parte di un circolo che accettasse fra i suoi soci uno come me». Questa è la battuta chiave della mia vita d’adulto per quanto riguarda i miei rapporti con le donne.
Nell’atrio di un cinema Alvy Singer e Annie Hall stanno facendo la fila per entrare.
Un uomo della fila
(rivolto a una sua amica)
Abbiamo visto l’ultimo film di Fellini, martedì scorso. Non è dei suoi migliori. Gli manca una struttura coerente. Sai, hai la sensazione che non lo sappia neanche lui quello che vuole dire. Naturalmente, io, per me, l’ho sempre considerato un mestierante, in sostanza. D'accordo, La strada era un grosso film. Grande, soprattutto, per l'uso che fa dell’energia negativa. Ma questo semplice nucleo...
Alvy Singer Adesso mi piglia un colpo.
Annie Hall Smetti di starlo a sentire.
Uomo della fila Sai, bisogna che ci sia sempre un filo conduttore, da un’idea all’altra, da una trovata all'altra. Capisci cosa intendo dire?
Alvy Singer Mi urla i suoi pareri nell’orecchio.
Uomo della fila Prendi Giulietta degli spiriti, o prendi sennò il Satyricon. Per me, io li trovo incredibilmente indulgenti. Rendo l’idea? Fellini è, per me, uno dei registi più indulgenti. Sul serio...
Alvy Singer La parola chiave qui è “indulgente”.
Uomo della fila Senza però arrivare... beh, mettiamola così...
Alvy Singer Oh mio Dio! Ha ragione. Perché mi sono disamorato di Allison Portchnik? Era... era bella. Ci stava. Era... era davvero intelligente. Ci risiamo... alla vecchia battuta di Groucho Marx? Che... che io non accetterei d’essere socio d’un circolo che accettasse fra i suoi soci uno come me?

 

 

Commenti a Io e Annie

Un attore ebreo, in analisi da quindici anni, s'innamora a New York di una ragazza svitata di buona famiglia che viene dal Middle West. Vincitore di 4 Oscar (film, sceneggiatura, regia, D. Keaton), è il 1 film della maturità di W. Allen regista che lo scrisse con Marshall Brickman e che, per giustizia narrativa prima che per amore o galanteria, lo intitolò col nome del personaggio femminile: Annie Hall. un capolavoro dell'allenismo: caldo, spiritoso, ironico, delizioso. Vi appaiono per pochi secondi Sigourney Weaver, Beverly D'Angelo, Jeff Goldblum. Diventeranno famosi.

Il Morandini, Zanichelli Editore


 

Recensione da "Il Mereghetti 2000":

Uno dei migliori film di Woody Allen e la summa della commedia americana anni Settanta. Colmo di spunti autobiografici, ha i suoi irresistibili punti di forza nell’umorismo amaro e scoppiettante della sceneggiatura, nelle acute osservazioni di costume (celeberrima la scena simultanea dai rispettivi psicoanalisti) e nella gestualità patologica degli interpreti. Pare che il montaggio sia stato un’impresa disperata per la caoticità del materiale girato (così ha dichiarato il montatore Ralph Rosemblum), ma il risultato – soprattutto a distanza di anni – appare fluido e coerente. Le varie canzoni forniscono un valido contrappunto ai deliri linguistici della coppia, mentre il direttore della fotografia Gordon Willis gioca efficacemente sull’opposizione tra le luci di New York e i bagliori di Los Angeles. Quattro Oscar: miglior film, regia, sceneggiatura (di Allen e Marshall Brickman) e attrice protagonista. In piccole parti compaiono alcune future star: Jeff Goldblum, Sigourney Weaver, Beverly D’angelo e Christopher Walken, mentre il massmediologo Marshall McLuhan interpreta la parte di se stesso nella divertentissima scena della coda al cinema.

 


Da il FilmTV

Nonostante tutto, nonostante la sfolgorante bellezza di “Manhattan”, nonostante la tenerezza amara di “Hannah e le sue sorelle”, nonostante la meticolosa perfezione di “Zelig” nonostante la caustica dignità di “Ombre e nebbia”, nonostante i sogni rimpianti in “Broadway Danny Rose” e “La rosa purpurea del Cairo”, questa è la commedia più viva, affettuosa, crudele e più bella di Woody Allen. Tutta negli occhi, nel sorriso, negli imbarazzi di una donna, racconta l’arco di un amore con una lucidità e una sensibilità rare. Ci sono anche alcune delle sue battute più famose (MacLuhan nell’atrio del cinema). Ma niente vale Annie Hall quando canta o l’ultima sequenza dell’incontro, per caso, a ricordare il passato.


Da Wikipedia

Dopo i primi film comici il regista/battutista Allen cambia registro e si "converte" alla commedia pura; in pochi anni girerà una serie di capolavori, tra cui Io e Annie, Manhattan e Zelig.

Io e Annie è ancora molto legato ai film precedenti: la struttura è molto frammentata e divisa in piccoli episodi con alcune battute tra le più famose di Allen; ma è anche un film molto più organico dei precedenti. Inoltre, per la prima volta, Allen inserisce un elemento drammatico: il rapporto con Annie si prosciuga fino a morire.

I
o e Annie può considerarsi come uno dei primi capolavori di Allen, ed è sicuramente il film che lo consacra tra i più grandi registi americani (sarebbe sbagliato dire "di Hollywood" visto che lui stesso si è sempre sentito newyorkese e in questo film uno dei temi principali è la costante cotrapposizione tra la Grande Mela e la California) e gli fa vincere i 4 premi Oscar 1978 ("miglior film, "miglior regia", "miglior sceneggiatura originale" e "miglior attrice protagonista").


Da cinema.intrage.it

La perfezione nella vita non esiste, essa è auspicabile solo nell'arte e Allen dimostra come, per le relazioni amorose sia impossibile non solo la perfezione ma la continuità, la sopravvivenza stessa della relazione.
"Io e Annie" è la storia di una coppia, un film sull'incompiutezza dei rapporti sentimentali in una New York di fine anni '70. Annie - Diane Keaton - e Alvy - Woody Allen - si incontrano ad una partita di tennis organizzata da amici comuni. Si piacciono, parlano, si conoscono e si innamorano. Le cose filano lisce fino a quando Annie sente di voler cambiare vita e decide di approfittare di un lavoro offerto in California per andarsene lasciando Alvy che tenterà inutilmente di riportarla a New York.
Commedia divertente e ironica con tempi e gag praticamente perfette e attuali dove coesistono quasi tutte le tematiche alleniane. Costruita attraverso l'uso del flashback con divertentimento.


 

RECENSIONI PER: Io e Annie

ERNESTO MARIA VOLPE, http://volper.interfree.it

Io e Annie' ('Annie Hall') è sicuramente il film che ha segnato una grande svolta nella carriera artistica del Woody Allen regista ed attore: i quattro premi Oscar assegnati al film, tra cui quelli di miglior regia e miglior film, segnano l'attenzione con cui l'America guarda al suo giovane genietto, ma non sono l'unica ragione per affermare che 'Io e Annie' è la prima opera matura di Allen. Commovente e discontinuo, disordinato e gradevolissimo, geniale al punto giusto, 'Io e Annie' racconta, senza badare troppo a continuità temporali, la difficile storia d'amore tra la bella Annie e Alvy. Il personaggio interpretato da Woody Allen è qui un comico di successo che appare in tutta la sua sconcertante incapacità di condurre un rapporto d'amore: quando finalmente Alvy, dopo due matrimoni falliti, conosce Annie durante una partita di tennis, la sua vita sentimentale sembra avviata verso una bella svolta. E tutto sembra procedere per il meglio finché Annie, durante una esibizione canora in un night club, non incontra un manager che vorrebbe scritturarla. Da lì iniziano i problemi della coppia, con i continui trasferimenti tra New York e Los Angeles, città che Alvy odia ma che Annie ritiene indispensabile per la sua carriera.
Sono molti i temi cari a Woody Allen ripresi, o appena accennati, in questo delizioso film, al pari delle originali soluzioni registiche che avrebbero, nel corso degli anni, caratterizzato e reso immortale il regista newyorchese: dall'uso personalissimo del mezzo cinematografico (spesso Allen parla guardando in macchina come se volesse rivolgersi al pubblico) al personaggio che interpreta e che lavora nel mondo dello spettacolo, dalle battute sull'antisemitismo alle ossessioni sul sesso, dalla immancabile menzione della psicanalisi all'oscuro senso della morte.
I film dei primi anni settanta di Woody Allen condensano benissimo il talento comico del regista, ma è solo a partire da quest'opera che il regista ed attore mostra una vena triste, nostalgica, che avrebbe poi trovato successive, e forse meglio delineate, espressioni nel capolavoro 'Manhattan'. Ciò che appare evidente, fin dai primi film di Allen, è la evidente identificazione dei suoi personaggi con uno stereotipo decisamente confusionario, a tratti inconcludente, irascibile: tutte caratteristiche che di certo non sono proprie del Woody Allen scrittore, sceneggiatore e regista, se è vero come è vero che ancora oggi il quasi settantenne Allen riesce a girare un film all'anno mantenendo alto, talvolta altissimo, il livello delle sue pellicole. Ma se è difficile fare graduatorie dei film di Woody Allen, non è esagerato affermare che 'Io e Annie' sia una delle opere più riuscite del nevrotico e geniale artista della Grande Mela; e se l'Oscar assegnato ad Annie-Diane Keaton è meritato altrettanto giusto sarebbe stato premiare Allen come attore.


 

Da contrada.it


Sicuramente Woody Allen è un genio, un artista straordinario che negli anni ci ha regalato film che difficilmente potranno essere dimenticati. Tra questi la sua opera migliore è probabilmente Io e Annie, considerata all’unanimità la commedia più bella, affettuosa e crudele di Allen, che ci racconta con il suo umorismo inconfondibile l’intero arco di un amore.
Definita dal regista “commedia romantica con musiche”, Io e Annie è la fotografia della storia d'amore tra Alvy Singer, comico di successo con due matrimoni falliti alla spalle, e la timida ed insicura Annie Hall, cantante alle prime armi.
Sin dall'inizio sappiamo che i due non sono più insieme e tutto quello che vediamo è il racconto della loro relazione, dal passionale inizio, all’evoluzione nevrotica del rapporto di coppia, fino alla separazione consensuale.
Opera della consacrazione ad autore di Woody Allen, Io e Annie è una storia sentimentale, incredibilmente comica (scene come la fila al cinema con l'apparizione del massmediologo Marshall McLuhan o il “mal di Los Angeles” di Alvy sono ancora adesso a distanza di anni autentiche perle), che ha giustamente meritato ben quattro premi Oscar (film, regia, sceneggiatura e attrice protagonista: Diane Keaton).
Il titolo originale, Annie Hall, è un omaggio a Diane Keaton (Hall è il suo vero cognome), e il film portò fortuna ad alcuni attori che vi appaiono, i quali da lì a poco sarebbero diventati autentiche star: Christopher Walken, Jeff Goldblum, Beverly D’Angelo e Sigourney Weaver.
Io e Annie è la summa di tutto il cinema alleniano, fatto di nevrosi, musica, ironia, rapporti uomo-donna e, naturalmente, New York, luogo mitico nell’immaginario dell’autore americano, che viene resa e sottolineata soprattutto dalle musiche.

 


Da ilpotereelagloria.com

Tra i numerosissimi film diretti da Woody Allen, quello che ha ricevuto più premi è stato sicuramente 'Io & Annie', che nel 1977 ha portato all'autore di origini ebraiche i primi e unici Oscar come miglior regista e come miglior pellicola dell'anno. A rivederlo oggi, trent'anni dopo la sua uscita, il film risulta però sì un ottimo lavoro ma non certo il migliore di Allen, che in altre pellicole ha saputo portare una maggior carica innovativa, storie più ricche di pathos e di humour e sceneggiature anche più acute e ironiche di quella qui confezionata assieme al fido Marshall Brickman.

Perché, allora, è stato 'Io & Annie' ad entrare nell'immaginario come il film di maggior successo di Allen, sorpassando altre pietre miliari come i più 'complessi' 'Manhattan', 'Zelig', 'Hannah e le sue sorelle', 'Crimini e misfatti' o anche il recente, ma giustamente apprezzatissimo, 'Match point'? Secondo noi il motivo è da ricercare in due diversi fattori: da un lato, 'Io & Annie' è stato il primo film veramente maturo di Woody Allen, cineasta in grado di proporsi non più solo come cabarettista ma come autore a tutto campo, abile con la macchina da presa così come con le battute e le gag; dall'altro, 'Io & Annie' ha il pregio di riunire in un unico film, anche se in maniera forse meno 'acuta' che altrove, le caratteristiche di tutte le pellicole successive, dall'ironia al romanticismo, dalle battute al fulmicotone e fin troppo intellettuali allo sguardo disincantato su New York e in particolare sulla Manhattan contemporanea, con tutte le manie e le paranoie sue e dei suoi abitanti. Una storia d'amore contrastata e triste e raccontata in prima persona, il celebre sarcasmo di Woody Allen, un po' di psicanalisi e il panorama struggente e malinconico di New York: gli stessi ingredienti, insomma, che negli anni sono ritornati, pezzi immancabili della poetica di un autore che solo recentemente, e spesso cedendo il ruolo da protagonista, ha provato a rinnovarsi.

Un buon film, quindi, e anzi un film che, più di altri dello stesso regista, può piacere ad un ampio pubblico, anche a chi, in definitiva, non è un grande fan di Woody Allen; e un film che esalta anche la bravura di una Diane Keaton veramente convincente e memorabile.

 

 

Commenti pubblici per Io e Annie

Da Filmscoop.it

 

rocketbabydollz  @  25/02/2007 17.43.57
   9 / 10
ai tempi questo film vinse 3 oscar meritatissimi, tutt'ora uno dei pochi riconoscimenti dell'academy al cinema di woody allen.
dialoghi brillanti e intelligenti come in questo film è difficile trovarne.
una delle mie scene preferite è quando i suoi compagni di classe bambini dicono quello che faranno da grandi ("io sono un grossista di rosari").
rispondendo a un commento sotto che dice "un uomo perde la donna e cerca di riconquistarla...e allora?"; secondo me è proprio questo uno dei lati migliori del film, prende una storia all'apparenza banale e riesce a trasformarla in un film splendido

davil  @  25/02/2007 1.18.01
   10 / 10
il miglior allen, con una sceneggiatura che ti incolla il cervello allo schermo.
E recitato davvero bene dai due protagonisti

Gruppo REDAZIONE maremare  @  17/02/2007 17.17.44
   8 / 10
Un cult agrodolce

Invia una mail all'autore del commento Lele_System  @  27/12/2006 21.00.50
   10 / 10
Dialoghi scoppiettanti e politicamente scorretti nella migliore tradizione alleniana ispirati come non mai. Il film rappresenta una rottura con il passato del regista newyorkese, incentrando l'opera sulla nevrosi di coppia e crisi esistenzialiste, realizzando forse la sua opera piu' riuscita insieme a Crimini e misfatti.Prova straordinaria della Keaton.

Gruppo COLLABORATORI Invia una mail all'autore del commento emans  @  17/11/2006 18.35.12
   5 / 10
non posso dire di essere rimasto deluso perche non mi aspettavo certo un capolavoro da uno dei miei registi(e soprattutto attori)meno preferiti...
sara che non è il mio genere pero il film mi ha annoiato se non per qualche battuta degna di nota...meglio sicuramente all'inizio dove la trama scorre veloce...poi si appiattisce e cosa succede?un uomo perde la ragazza e cerca di riconquistarla...embe?

litfiba3  @  03/11/2006 18.05.28
   10 / 10
Questo film è pura poesia. Un capolavoro partorito dal genio di Woody Allen, che racconta l'amore con la sua loquacità e i suoi silenzi. Diane Keaton è la sua musa...

Phelps  @  10/09/2006 22.24.47
   7 / 10
Allen è un genio

Ch.Chaplin  @  05/07/2006 12.56.24
   9 / 10
bellissimo il modo di allen d parlar d'amore...così colto e sincero..istrionico e maleducato, ma sempre molto irriverente ed efficace!grandissimo, ma nn da 10
Gruppo COLLABORATORI Jellybelly  @  31/05/2006 21.48.49
   9½ / 10
Meraviglioso spaccato di una storia d'amore e di nevrosi, con dialoghi leggendari (" Se so cos'è l'invidia del pene? Certo che lo so! Credo di essere l'unico uomo che ne soffre!"), una regia perfetta e due interpreti al massimo delle proprie potenzialità. Un gioiello.

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Lot  @  19/05/2006 9.02.33
   10 / 10
Malinconico e brillante, probabilmente il miglior film di Allen, insieme a truffaut l'unico in grado di parlare d'amore in maniera mai banale, mischiando genio, tormento e ironia.

tottigoal84  @  28/04/2006 10.17.45
   10 / 10
Decisamente ottimo .
Allen analizza alla grande le nevrosi di questi due personaggi e poi ci sono delle cose esilaranti come l'episodio della lampadina rossa .
Woody sei grande ( e incompreso ) e non mi stancherò mai di dirlo .

claudihollywood  @  23/03/2006 18.07.36
   4½ / 10
Sceneggiatura meritevole, interpretazioni meritevoli, ma film...Fastidioso e soporifero! Sopravvalutato.

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/03/2006
Visualizza / Rispondi al commento
serenella  @  03/02/2006 16.08.30
   10 / 10
il mio preferito del mio preferito...

2 risposte al commento
Ultima risposta 25/03/2006
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI bodego  @  31/01/2006 20.23.28
   5 / 10
Non mi è piaciuto tanto.
L'idea è buona, perchè comunque il fatto di mettere in chiave comica la vita di quest'uomo pessimista e nevrotico e paranoico è un ottimo spunto, però poi si perde, non conclude niente e diventa inconsistente.
I dialoghi indubbiamente sono molto buoni però il film tende anche un po' troppo a ripetersi (ad esempio il fatto di parlare un un tantinello sopra il dovuto esplicitamente con lo spetattore che la prima volta diverte ma a lungo andare annoia).
Devo dire la verità: non lo raccomando.
Più del 5 non riesco a dargli.

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/11/2006
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento stefano76  @  27/01/2006 0.21.38
   9 / 10
Bellissimo film di Woody Allen, che analizza in modo lucido, pessimistico (e quindi realistico), a tratti illuminante il rapporto di coppia e le nevrosi e ossessioni di un "uomo metropolitano" che finiscono col contaminare il rapporto con l'altro sesso.

Regia di altissimo livello e sceneggiatura praticamente perfetta, ricca di dialoghi e monologhi bellissimi (vedi quello iniziale).

6 risposte al commento
Ultima risposta 27/01/2006
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Andre85  @  16/10/2005 13.58.56
   9 / 10
mai sentito dialoghi cosi accuratamente divertenti!
KANE  @  19/09/2005 15.52.13
   10 / 10
decisamente uno dei migliori di allen insiema a "provaci ancora sam" e "manathan". una valanga di parole ben pesate e monologhi interiori che caratterizzano il personaggio di allen. una keaton che regge il gioco e riesce a tenere la scena nonostante la presenza di allen tenda ad ecclissare chiunque lavori con lui.
un'ironia intelligente e colta, che lascia il segno su questa pellicola che non è definibile ne commedia ne film sentimentale ma solo come "un gran" bel film!

Gruppo COLLABORATORI paul  @  31/07/2005 0.45.35
   10 / 10
Forse il miglior Allen in assoluto, e sicuramente un film che analizza, proprio in sttile psicanalitico, il "mito" della coppia.

benzo24  @  25/05/2005 20.08.15
   10 / 10
Io e Annie oltre ad avere il merito di raccontare una storia bellissima, contiene anche tra idialoghi e tra le battute più belle della storia del cinema. Alcune sequenze sono veramente memorabili.

Gruppo COLLABORATORI Requiem  @  21/05/2005 9.39.42
   10 / 10
Il miglior Woody Allen.
Un film fondamentalmente perfetto che rinchiude tutte le tematiche e le caratteristiche principali del cineasta newyorkese.
Bellissimo.

Invia una mail all'autore del commento mau2metri  @  03/02/2005 2.51.44
   9 / 10
Mi dispiace rovinare la media di dieci che hanno davvero pochi film...ma non me la sento di esagerare.E' cmq un film geniale che fa ridere e riflettere allo stesso tempo;e ci sono delle scene esagerate!!Se amate Woody e non avete visto questo film...forse vi siete persi propio il meglio!!

marco86  @  19/01/2005 19.15.10
   10 / 10
Una commedia capolavoro firmata da un genio del calibro di woody allen,che qui raggiunge uno dei punti più alti della sua filmografia.Io e annie racchiude tutte le tematiche care al regista-attore,a partire dalla psicoanalisi e finendo alla sua concezione pessimistica della vita.Il divertimento non manca davvero:le battute sono perfette,ma c'è davvero tanto posto anche per la riflessione.Le scene d'antologia sono numerose,come ad esempio la celeberrima fila al cinema.Diane Keaton è bellissima e bravissima.

liu_mi  @  28/08/2004 16.47.23
   10 / 10
Un film decisamente transfondente. merita dieci già solo per le scene di Alvy e Annie in coda al cinema, per l'incontro con la prima moglie e per Walken che fa il fratello psicopatico.

 

 

CREDITI COMPLETI DE Io e Annie

 

Directed by Woody Allen

Writing credits Woody Allen and Marshall Brickman

Cast (in credits order)
Woody Allen .... Alvy Singer
Diane Keaton .... Annie Hall
Tony Roberts .... Rob
Carol Kane .... Allison
Paul Simon .... Tony Lacey
Shelley Duvall .... Pam
Janet Margolin .... Robin
Colleen Dewhurst .... Annie's Mom
Christopher Walken .... Duane Hall
Donald Symington .... Annie's Dad
Helen Ludlam .... Grammy Hall
Mordecai Lawner .... Alvy's Dad
Joan Neuman .... Alvy's Mom (as Joan Newman)
Jonathan Munk .... Alvy at 9
Ruth Volner .... Alvy's Aunt
Martin Rosenblatt .... Alvy's Uncle
Hy Anzell .... Joey Nichols
Rashel Novikoff .... Aunt Tessie
Russell Horton .... Man in Theatre Line
Marshall McLuhan .... Himself
Christine Jones .... Dorrie
Mary Boylan .... Miss Reed
Wendy Girard .... Janet
John Doumanian .... Coke Fiend
Bob Maroff .... Man #1 Outside Theatre
Rick Petrucelli .... Man #2 Outside Theatre
Lee Callahan .... Ticket Seller at Theatre
Chris Gampel .... Doctor
Dick Cavett .... Himself
Mark Lenard .... Navy Officer
Dan Ruskin .... Comedian at Rally
John Glover .... Actor Boy Friend
Bernie Styles .... Comic's Agent
Johnny Haymer .... Comic
Ved Bandhu .... Maharishi
John Dennis Johnston .... L.A. Policeman
Laurie Bird .... Tony Lacey's Girlfriend
Jim McKrell .... Lacey Party Guest
Jeff Goldblum .... Lacey Party Guest
William Callaway .... Lacey Party Guest
Roger Newman .... Lacey Party Guest
Alan Landers .... Lacey Party Guest
Jean Sarah Frost .... Lacey Party Guest
Vince O'Brien .... Hotel Doctor
Humphrey Davis .... Alvy's Psychiatrist
Veronica Radburn .... Annie's Psychiatrist
Robin Mary Paris .... Actress in Rehearsal
Charles Levin .... Actor in Rehearsal
Wayne Carson .... Rehearsal Stage Manager
Michael Karm .... Rehearsal Director
Petronia Johnson .... Tony's Date at Nightclub
Shaun Casey .... Tony's Date at Nightclub
Ricardo Bertoni .... Waiter #1 at Nightclub
Michael Aronin .... Waiter #2 at Nightclub
Lou Picetti .... Street Stranger
Loretta Tupper .... Street Stranger
James Burge .... Street Stranger
Shelley Hack .... Street Stranger
Albert Ottenheimer .... Street Stranger
Paula Trueman .... Street Stranger
Beverly D'Angelo .... Actress in Rob's TV Show
Tracey Walter .... Actor in Rob's TV Show
David Wier .... Alvy's Classmate
Keith Dentice .... Alvy's Classmate
Susan Mellinger .... Alvy's Classmate
Hamit Perezie .... Alvy's Classmate
James Balter .... Alvy's Classmate
Eric Gould .... Alvy's Classmate
Amy Levitan .... Alvy's Classmate
Gary Allen .... School Teacher
Frank Vohs .... School Teacher
Sybil Bowan .... School Teacher
Margaretta Warwick .... School Teacher
Lucy Lee Flippin .... Waitress at Health Food Restaurant (as Lucy Lee Flippen)
Gary Mule Deer .... Man at Health Food Restaurant (as Gary Muledeer)
Sigourney Weaver .... Alvy's Date Outside Theatre
Walter Bernstein .... Annie's Date Outside Theatre

rest of cast listed alphabetically

Truman Capote .... Truman Capote lookalike (uncredited)

Produced by
Fred T. Gallo .... associate producer
Robert Greenhut .... executive producer
Charles H. Joffe .... producer
Jack Rollins .... producer

Cinematography by Gordon Willis

Film Editing by Wendy Greene Bricmont and Ralph Rosenblum

Casting by Juliet Taylor

Art Direction by Mel Bourne

Set Decoration by
Robert Drumheller
Justin Scoppa Jr.

Costume Design by
Ralph Lauren
Ruth Morley

Makeup Department
Fern Buchner .... makeup artist
Romaine Greene .... hair stylist (as Romaine Green)
John Inzerella .... makeup artist: Los Angeles
Vivienne Walker .... hair stylist: Los Angeles

Production Management
Robert Greenhut .... production manager

Second Unit Director or Assistant Director
Frederic B. Blankfein .... second assistant director (as Fred Blankfein)
C. Tad Devlin .... dga trainee (as Tad Devlin)
Fred T. Gallo .... first assistant director

Art Department
Joseph Badalucco Jr. .... carpenter (as Joseph Badalucco)
Barbara Krieger .... set decorator: Los Angeles
Pat O'Connor .... property master: Los Angeles
Thomas Saccio .... property master
Cosmo Sorice .... scenic artist
Joe Williams Sr. .... construction grip (as Joseph Williams)

Sound Department
Jack Higgins .... sound re-recording mixer
James Pilcher .... sound mixer: Los Angeles
James Sabat .... sound mixer
Dan Sable .... sound editor
William S. Scharf .... assistant sound editor (uncredited)

Other crew
Aaron Beckwith .... extras casting
Riccardo Bertoni .... extras casting
Artie Butler .... accompanist: Miss Keaton
Kay Chapin .... script supervisor
Christopher Cronyn .... production assistant (as Chris Cronyn)
Patricia Crown .... assistant: Mr. Allen
William Curry .... transportation captain
Martin Danzig .... location manager
James E. Foote .... transportation captain: Los Angeles (as James Foote)
Daisy Gerber .... location manager: Los Angeles
Carl Gibson .... key grip: Los Angeles
Sam Goldrich .... location auditor
Brian Hamill .... still photographer
Lois Kramer Hartwick .... production office coordinator (as Lois Kramer)
Larry D. Howard .... gaffer: Los Angeles (as Larry Howard)
Christopher Ishii .... animated sequences
Scott MacDonough .... unit publicist
Nancy McArdle .... wardrobe supervisor: Los Angeles
Susan E. Morse .... assistant film editor
Gary Muller .... second assistant camera
George Newman .... wardrobe supervisor
Sonya Polonsky .... assistant film editor (as Sonya Polanski)
Tom Priestley Jr. .... first assistant camera (as Thomas Priestley)
Marilyn Putnam .... wardrobe supervisor
Beth Rudin .... production assistant
Fred Schuler .... camera operator
Stuart Smiley .... production assistant
Donald E. Thorin .... camera operator: Los Angeles (as Don Thorin)
Dusty Wallace .... gaffer
Robert Ward .... key grip
Douglas Dean III .... production assistant (uncredited)